Italijanski umetnik

Filippo De Pisis | Metafizično gibanje umetnosti

Pin
Send
Share
Send
Send





Filippo De Pisis (11. maj 1896 - 2. april 1956) je bil italijanski slikar -poet, ki se je rodil Luigi Filippo Tibertelli v Ferrari. Leta 1919 se je De Pisis preselil v Rim, kjer je začel slikati. Medtem ko so pomembni uredniki njegovega časa kritizirali De Pisisa, ki je ustvarjal preveč sentimentalno poezijo, se je ta čustvena črta prenašala dobro na platno. De Pisis je najbolj znan po svojih mestnih znamenitostih, metafizično navdihnjenih pomorskih prizorov in tihožitjih, zlasti tistih, ki prikazujejo rože.







Njegovo delo je še posebej zračno, v trenutni kakovosti in obremenjeno z nekakšno patetično bolečino. De Pisis je izvedel tudi veliko manj znano delo, ki je obsegalo homoerotične skice moškega akta.
De Pisis je svoje življenje preživel v Rimu, Parizu in Benetkah. Živel je zelo ekstravaganten način življenja; imel je hišnega papiga, imenovanega Coco, in v Benetkah je bil eden od peščice takratnih prebivalcev, ki so uporabljali gondolo. Imel je dva osebna gondolija na 24-urni dolžnosti, ki sta nosila črno-zlato vez.
Delo De Pisis je bilo dvakrat prikazano na beneškem bienalu: enkrat v življenju in enkrat posthumno.



De Pisisovo delo za Collezione Verzocchi v letih 1949-1950 je zdaj nameščeno v Pinacoteca Civica v Forlìju. Velik del njegovega dela se nahaja tudi v muzeju Filippo de Pisis v Ferrari.
Po dolgi bolezni je leta 1956 umrl v Milanu.





































De Pisis je potrdil, da je bil preizkušen; ovunque il suo sguardo si posi, su un muro, su un fiore, su una conchiglia, su un efebico corpo di ragazzo, la materia si anima, la carne vibra, i petali ondeggiano, un'ebbrezza, un'euforia attraversa l'aria . Se mai vi fu una leggerezza, se mai soavità, è questa, qui e ora, in una continua concorrenza con la mobilità e varietà della vita, in un continuo allontanamento dal pensiero della morte. De Pisis è un fuggitivo. Coltiva i miracolosi equilibri che impediscono le soste v cui il pensiero in koncentrira sul nostro destino estremo, sulla vanità delle cose. Certe emozioni descritte da De Pisis, nelle sue pagine letterarie, restituiscono questa condizione psicologica. De Pisis je escentialmente un trasgressore nella vita d'artista e in quella privata, ma la sua trasgressione si fa sempre suprema armonia, musica di colori. È forse una vibrazione erotica che rende così vive e febbrili le immagini di De Pisis; certo, benché di specie diversa; Na osebo si lahko ogledate sliko, ki jo je možno prebrati, sodobne in nepretrgane. Nei paesaggi di De Pisis tutto vibra; l'equilibrio degli elementi disparati che compongono il quadro è instabilissimo. Tale è la sensazione che comunica la pittura di De Pisis. Le brezze leggere di un'aria libera che soffia sulle cose quasi senza artificio, pridi se la pittura dovesse trasmettere gli umori della natura, i suoi sapori, i suoi odori, e non le sue filtrate dal segno libero e vibrante, che si piegano a malincuore alla necessità di esprimersi entro un genere. Da un momento all'altro l'ebbrezza può finire: intanto miracolosamente c'è. Tale je l'amore v De Pisis za la pittura, che qualunque altra tentazione, impegno o ideologia sfuggono dal suo orizzonte. Poesia muta, pridi nessuna, la pittura di De Pisis respira, palpita, vibra. Tutta la mutevolezza dei cieli e delle acque veneziane, pridi v Francesco Guardi, s'imprime nelle tele di De Pisis, anche quando altro è il mare, altro il il cielo, altre le case. Ma quella à la vita, quella e non altra. | © Vittorio Sgarbi




























De Pìsis (propr. Tibertèlli De Pìsis), Filippo (propr. Luigi Filippo) - Pittore e scrittore Italiano (Ferrara 1896 - Milano 1956), del del figure più interessanti della pittura italiana contemporanea e nello stesso tempo fra le più difficili definirsi, perché interamente al di fuori degli schemi correnti. Dipinse soprattutto paesaggi, narava morte, interni, ritratti. Il suo stile è rimasto coerente in tutta la lunga prevoznik, non inconsapevole delle correnti moderne, guardate con garbata ironia.
Vita ed opere
Di antica famiglia ferrarese ebbe izobraževanje raffinata ed elegante. Prevzel se je v francoskem mestu, kjer so leta 1916 in leta 1916 pričeli s Ferrari Carrà, De Chirico, Savinio. Le sue prime opere risentono del clima della pittura "metafisica", con un colore ricco, elegante, con un taglio meditato, quasi quattrocentesco (Paesaggio, 1917, Milano, raccolta Mazzotta). Poco dopo a Roma incontrava Spadini ed egli era ancora così spregudicato e poco naklon a una impostazione preconcetta da saper cogliere il valore dei consigli del vecchio maestro, orientandosi verso una pittura assolutamente libera, gioiosamente priva di programmi, intimamente goduta. Parigi, golobica visse moli anni, ebbe modo di apprezzare Bonnard, Vuillard, Matisse, di studiare Monet e Sisley, benché la sua pittura, coltissima, purnel felice colourismo del tocco, quicko e impreveduto, Seicento e del Settecento e consenta, così, brillanti interpretazioni dell'architettura e delle vedute di città, specialmente di Venezia e di Parigi. Scrisse: proza ​​(1920); Il Signor Luigi B. (1920); La città delle cento meraviglie (1921); Poesie (1940, n. ediz. 1953), iz krepčila in impresioniranja, ki ni vpisana v umetnost, so zanimive za vse, ki želijo preživeti. | © Treccani, Enciclopedia Italiana

Poglej si posnetek: Suspense: The Name of the Beast The Night Reveals Dark Journey (November 2022).

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send