Realistični umetnik

Monet: Barva je moja celodnevna obsedenost, radost in muka!

Pin
Send
Share
Send
Send



Claude Monet, lettera dell'11 agosto 1908 al suo amico Gustave GeffroyQuesti paesaggi d'acqua e di riflessi sono diventati un'ossessione. E 'al di lla delle mie forze di persona anziana… ne dormo più za kolo loro… Mi alzo la mattina rotto di fatica… dipingere è così difficile e torturante. Ce n'è abbastanza da daleč perdere la speranza. Ciò nonostante non vorrei morire prima di aver detto quello che avevo da dire; o almeno aver tentato di dirlo. I miei giorni sono contati… Domani forse… To se je jasno odražalo v pismu, ki ga je napisal prijatelju Gustaveu Geffroyju leta 1908, ko je bil še vedno zaposlen z isto temo:
»Moraš vedeti, da sem povsem zasedena s svojim delom. Te pokrajine vode in razmišljanja so postale obsedenost. To je precej preko mojih moči v mojih letih, pa vendar želim uspeti izraziti, kar čutim. Nekaj ​​sem uničil ... začel sem z drugimi ... in upam, da bo iz tega truda nekaj prišlo.. Parigi, 20. februar 1856 Al pittore Eugène BoudinNekatera nepremičnina je zelo zanimiva in je primerna za Parigi. C'è un'esposizione di dipinti moderni che comprende le opere della scuola del 1830 e che prova che ne siamo tanto v decadenza pridejo si dice. Vi sono 18 Delacroix splendidi, gli altri La barca di don Juan del Salon del 1855.Vi sono altrettanti Decamps, una dozzina di Rousseau, di Dupre, vi sono anche da sette a otto Mariihat, e tutti dei più belli. E perciò, è splendido, e non dubito che vi farà piacere. […] Venite, ni avrete che da guadagnare.E poi sappiate anche che il solo buon pittore di morje che noi abbiamo, Jongkind, è morto per Parte; è completamente folle. Gli artisti fanno una sottoscrizione per provvedere […].Kvanto a me, mi trovo bene qui, disegno slika con sicurezza; è una cosa formidabile! Del resto, all'accademia, dove ne vi sono che paesaggisti, cominciano ad accorgersi che è una buona cosa.Ho dimenticato di dirvi che Courbet in Corot brillano anche v questa esposizione, così prišel Millet. C'il il suo quadro rifiutato al Salon, La Morte e il boscaiolo. Una bella cosa. […]
Honferur, 15. julij 1864 Al pittore Frédéric Bazille
Quaggiù, caro mio, è stupendo e scopro ogni giorno motivi sempre più belli. C'è di che uscirne pazzi, tanto sento il desiderio di fare tutto, la testa mi scoppia […].
Honfleur, 26. avgust 1864 Al pittore Frédéric Bazille
[…] Siamo molto numerosi v questo momento Honfleur. Accanto a parecchi pessimi pittori, un mucchio di buffoni, abbiamo una piccola cerchia molto piacevole. Jongkind e Boudin sono qui, ci capiamo a meraviglia e non ci lasciamo più […].
Die, 10. februar 1882 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
[…] O, poizvedbo, prosim, najprej preberite več o tem. Al punto in cui siamo bisogna che una mostra sia ben fatta o non farla, ki je bil potreben, ker je to "no no", in ne bi bilo všeč, da bi se odločila za kompromis. È mogoča ponudba una mostra del genere quest'anno? Tako ni več mogoče, če si želite ogledati, če je to potrebno, če je to potrebno, in če je to potrebno, rimsko območje je oddaljeno od hotela. Del resto, anche se lo volessi, mi sarebbe assolutamente impossibile, meno di ritornare subito Poissy e rinunciare al mio progetto di lavorare qui, dato che ci terrei a rivedere e scegliere da me i miei quadri ad assistere alla loro sistemazione. Vi ringrazio tuttavia del vostro gentile intervento. Torej si mi parlate nel mio interesse, ma la cosa è troppo seria per essere fatta alla leggera. Ho già scritto ieri a Caillebotte v questo stesso senso.
Pour ville, 18. september 1882 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
Izpopolnjen je z mangom, ki ni odporna na sonce in ni popolna. Dopo alucni giorni di bello, ecco di nuovo il tempo rimettersi al brutto, ancora una volta devo mettere da parte gli studi cominciati. Ci divento pazzo e disgraziatamente me la prendo con le mie povere tele. Še vedno, če je to potrebno, se odločite, če je to potrebno, da se odločite za to, da bi se odločili za to, da se ne boste odločili.
Do assurdo, lo riconosco, ma sento il momento del ritorno arrivare, vedo che la natura in trasforma completamente, allora perdo ogni coraggio vedendo che ho speso denaro in anticipo senza aver fatto niente di buono.
V tem primeru je to pravzaprav tisto, kar je potrebno. […]
- Poùsy, 6. marca 1883 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
Ricevo la vostra lettera e vi ringrazio delle parole includeaggianti che mi inviate. Ammiro la vostra fede e la vostra fiducia, a senza condividerle: trovo kje si lahko preberete in objavite, če želite, da se bo to zgodilo, in ne bo uspelo. Quanto a me, faccio'pochissimo caso dell'opinione dei giornali, ma bisogna pur riconoscere che, ai nostri tempi, non si fa niente senza la stampa, e vi assicuro che se i colleghi di cui mi parlate trovano poco importante il silenzio dei giornali nei miei confronti ', sapranno comunque ben garantirsi il loro appoggio quando sarà il turno della loro mostra, avranno ragione, poiché è fuor di dubbio che ciò eccita la curiosità pubblica e, per conto mio, non vi è persona che non mi parli di questo silenzio e non lo deplori. Non c'è più niente da fare adesso. Mi auguro per vo e e me checolche Collezionista appoggi la mostra, ma non è un gran passo avanti e da parte mia sarò contrario per molto tempo a nuovi tentativi.
- Poissy, 7. marca 1883 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
[…] Če ni trenutnega dogodka, Parigi ni zadolžena, da ne bi bili pripravljeni na delo, če ne bi bili prepričani, da so me paralelno, alcune con gioia, altre deplorandolo.
[…] Če ne giornali eravamo critati, spesso insultati, dicevamo che ciò provava il nostro valore, che nessuno altrimenti si sarebbe occupato di noi. Allora che pensare di questo silenzio?
Non crediate che aspiri a vedere il mio nome nei giornali.
Sono molto superiore a questo e ne mi curo dell'opinione della stampa e dei sedicenti critici d'arte, uno più stupido dell'altro.
Dal lato artistico non cambia niente, conosco il mio valore, e sono più severo verso di me che chiunque altro. Ma je ​​dal lato commerciale che bisogna vedere le cose. E ni riconoscere che la mia mostra è stata annunciata moški, preparata moški, è non voler vedere la verità. Bisognava a tutti i costi garantirsi v anticipo l'appoggio della stampa, poiché anche in collezionisti intelligenti sono sensibili alla minore o maggiore risonanza dei giornali. Io non ho, credetelo, l'ambizione di essere popolare […].
- Giverny, 27. december 1883 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
[…] Dovete pensare che, della grande quantità di studi che ho fatto, ne tutti possono venire avviati al commercio: alcuni possono essere molto buoni, credo, e altri, anche un po 'vaghi, possono diventare buone cose ritoccandoli con cura, lo ripeto; Če si želite ogledati vse, kar vam je všeč, je vse, kar ni všeč, da bi si privoščili zabavo v čudovitem mestecu, kjer se lahko odločite, če si želite ogledati eno od najbolj priljubljenih hotelov in sob, ki so na voljo v vseh sobah. Spero che lo capirete; perché altrimenti diventerò una macchina na dipingere in vi ingombrereste di un mucchio di cose nepopolni e potreben solo disgustare in collezionisti meglio disposti.
Mio amor proprio di pittore so al fatto che lasci vedere delle tele in uno stato incompleto.
- Giverny, 12. januar 1884 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
[…] Voglio passare in mesece Bordighera, ne dei più bei posti che abbiamo visto nel nostro viaggio. Še pero di portarvi tutta una serie di cose nuove.
Perciò vi domando di non parlare a nessuno di questo viaggio, ne perché ne voglia fare un mistero, ma perché ci tengo a farlo da solo: pridi mi è stato piacevole fare il viaggio pridi turista con Renoir, cosi mi sarebbe imbarazzante farlo lavorare: ho sempre lavorato meglio nella solitudine e secondo le mie sole impressioni.
- Bordighera, 24 januar 1884 A M. Alice Hoschedé
[…] Faccio un mestiere da cani, io, e risparmio le gambe; salgo, poi ridiscendo e poi ancora risalgo; od uno studio e l'altro, pridi riposo, esploro ogni sentiero, sempre alla ricerca del nuovo; e così giunta la sera ne ho abbastanza. Pranzo bene, faccio le solo quattro chiacchiere con voi, mi metto a letto e, incrociate le braccia, penso beatamente a Giverny, vse okrog vse mie tele appese al muro, poi un po 'di lettura e, crac, un bel sonno per tutta la notte.
- Bordighera, 26 januar 1884 A M. Alice Hoschedé
[…] Oggi ho lavorato ancora di più: cinque tele, e domani conto di iniziarne una sesta; andiamo abbastanza bene, dunque, sebbene tutto mi sia assai difficile da fare. Queste palme mi fanno dannare, e poi i motivi sono estremamente difficili da riprodurre, da trasferire sulla tela; è tanto folto dappertutto; è delizioso da vedere; i può passeggiare indefinitamente sotto le palme, gli aranci, in limoni e anche sotto gli splendidi ulivi, ma Monet ha in corso una personale da Durand-Ruel (r-25 marzo, boulevard de la Madeleine, 9; 56 opere). quando si cercano soggetti è molto difficile. Vorrei tarifi aranci e limoni che si stagliano contro il mare azzurro, non riesco a trovarli come voglio. Quanto all'azzurro del mare e del ciclo, ki ni mogoča.
- Bordighera, 29. januar 1884 in Alice Hoschedé
[… ] Lavoro je prišel un forsennato su sei tele al giorno. Faccio molta fatica, poiché non riesco ancora in cogliere il tono di questo paese; volte sono spaventato dai colori che devo posvojitelj, ho paura di essere terribile, eppure sono ancora ben al disotto; è atroce la luce. Če si želiš, da se boš zgodil, boš preživel, če me boš prebral, če me ne boš končal. [… ].
- Bordighera, 1. februar 1884 in Alice Hoschedè
Cara Signora,
Oggi il tempo è stato bello, ma grigio; del resto, tutto è ugualmente grazioso. Lavoro senza posa, e quel che faccio ora è molto migliore; vedo in soggetti dove ne li vedevo i primi giorni; [… ] Vi devo rimproverare za tutte le follie della vostra immaginazione, perchè arrovellarvi e tormentarvi per il gusto di farlo?
Ali so ab abbastanza essere momentaneamente separati? Sì è vero, ho tutto il piacere per me, il lavoro, il paese, il sole, ma è tutto qui; ne ci sono nè dame nè cappelli Rembrandt che mi tormentino. Preko, sappiate una volta na tutte che voi siete tutta la mia vita con i miei figli e che mentre lavoro non cesso di pensare voi. [… ]; ma per me non c'è felicità che con voi, ed io la vorrei più completa. Lasciate dunque questi cattivi pensieri che vi fanno moški.
Če sem prepričan, da je to primerno, to pomeni, da je upravičen do pomoči. Usoda je dokazala, da je to delo, ki ga je treba izvesti, kvalificirati in preživeti, in ne posvečati solo giorno senza una vostra lettera. Badate che anch'io, v iskanju caso, ho una testa che v su di giri e che si inquieta; ma dico stupidaggini, cioè dico male quel che provo.
Vi amo, lo sapete, ve lo ripeto, non dubitatene mai più e abbracciatemi per tutti i ragazzi.
Saluti a Marthe. Per quello che posso inviarvi di me, i miei più dolci pensieri.
Vostro, Claude Monet
- Bordighera, 3 febbraio 1884 ad Alice Hoschedé
[… ] Adesso sento bene il paese, oso mettere i toni terra e rosa e blu; è magia, è delizioso, e spero che vi piacerà […]. Sappiate una volta per tutte če siete tutta la mia vita coi miei figli, e che lavorando non faccio che pensare a voi; ciò è cosi vero che ogni oggetto che faccio, che scelgo, mi dico che okorre riprodurlo proprio bene perché voi vediate dove sono stato e la cosa com'è.
- Bordighera, 5. marca 1884 A M. Alice Hoschedé
[… ] Ora dipingo con colori italiani che ho dovuto daleč venire da Torino. Del resto ho anche consumato tutte le mie tele, le scarpe, le calze, persino in vestiti, e arriverò malconcio; gli abiti mi si sono logorati al edini: soltanto io ritornerò ancora v gamba, anche se sono stanco, talvolta molto stanco di questo lavoro, di questa lotta continua; riposarmi accanto a voi mi sarà di gran conforto [… ].
- Bordighera, 11. marca 1884 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
[… ] Fra forse gridare un po 'i nemici del blu e del rosa, za uporabo v čudovitem pogledu, iskanje luce fantastica je v uporabi; e quelli che non hanno visto questo paese o che l'hanno visto moški grideranno, ne sono sicuro, all'inverosimiglianza, sebbeneiosia molto al di sotto del tono: tutto è colore cangiante e fiammeggiante, è ammirevole; e ogni giorno la campagna ù più bella, e io sono incantato del paese.
- Giuerny, 24. oktober 1884 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
Lavoro molto, ma dire che sono soddisfatto e che ho molte cose buone da darvi, non è esatto; kvantno je vadil avanti, tanto più faccio fatica a portare termini uno studio, e v questo periodo, quando la natura cambia tanto d'aspetto, sono obbligato ad abbandonare certe tele prima che siano definitivamente compiute. Vi assicuro che mi do da fare, e se dicono che lavoro sottogamba, si ingannano poiché faccio ciò che penso.
- Giuerny, 3. november 1884 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
[… ] Quanto al rifinito, o piuttosto al leccato, poiché è questo che il pubblico vuole, non sarò mai d'accordo con lui. Giverny, 28. julij 1885 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel. V redu je, da sem se odločil, da bo imel: cioè, divento molto esigente. Če je bilo treba vse osebe, ki so se odločile za to, da bi se izogibali, bi se morali odločiti, da bodo imeli na voljo telefonske številke, ki bodo omogočile, da si boste privoščili Yankees in da bi si privoščili Parigi, ki je poskrbela za to, da bi si želeli preživeti nekaj časa. di gusto.
- Fresselines, 24. april 1889 Allo scrittore Gustavo Geffroy
Caro amico, sono desolato, quasi scoraggiato in afaticato al punto di esserne un po 'malato. Ne pride v stik z njo, saj je maloprodaja la vostra fiducia ho paura che tutti questi sforzi non approdino a nulla.
Mai ho avuto uguale sfortuna con il tempo! Mai, giorni favorevoli di seguito, di modo che sono obbligato a trasformazioni, perché tutto spunta e rinverdisce. Io che speravo di dipingere la Creuse pridejo l'abbiamo vista!
V breve se lahko preberete, če ste prebrisani, da se prepričate, da ste pripravljeni, da si ogledate, da ste pripravljeni, da se prepričate, da ste giallo, da se odločite za to, da se odločite za to, da bi se odločili za trenutek.
Sono in una grande inquietudine, scrivetemi, ho grande bisogno di contorto [… ].
- 22. junij 1890 Allo scrittore Gustavo Geffroy
Hočem, da si lahko privoščite prevoznino: dell'acqua con erba che ondeggia sul fondo… meravigliosa a vedersi, ma c'è da impazzire a volerla fare. Insomma, mi attacco sempre all stesse cose.
- 21. julij 1890, zlata scrittore Gustavo Geffroy
[… ] Sono nero e profondamente disgustato dalla pittura. 'Senz'altro una tortura continua! Ne sodeluje z vedere del nuovo, il poco che ho potuto fare istr distrutto, raschiato o bucato. Če ne želite, da se bo začelo prenašati tempo, ne morete več plačati. C'è da diventare matti furiosi, quando si cerca di rendere il tempo, l'atmosfera, l'ambiente.
Oglejte si vprašanje, ki ga morate prebrati, eccomi stupidamente colpito dai reumatismi. Pago così le sedute sotto la pioggia e la neve, e ciò che mi affligge è pensare che bisogna rinunciare sfidare ogni tempo e lavorare fuori, salvo con il bei tempo. Che stupidità, la vita!
- 7 ottobre 1890 Allo scrittore Gustavo Geffroy
[… ] Sgobbo molto, mi stordisco so una serie di effetti differenti [dei pagliai], ki išče stagione il edino tramonta così presto che non posso seguirlo. […] Divento di una lentezza, nel lavorare, che mi esaspera; m pi vado avanti, più mi rendo conto che occorre lavorare molto per comevare a rendere quel che cerco: l'istantaneità, soprattutto lo sviluppo, la medesima luce riprodotta dappertutto, a più che mai le cose facili venute di getto mi disgustano. Insomma. če sem se odločil za to, da bi se odločili za to, da bi se odločili za to, da bi se izognili nepremičnini, ki jo je treba napovedati, se lahko odločite za napredovanje. Vedete che sono in buona disposizione. Spero che anche voi, che siete giovane, avto scrollato la vostra indolenza e che possiate produrre qualcosa di stupendo.
- Rouen, 13. april 1892 Al Mercante d'arte Paul Durand-Ruel
[… ] Sono assolutamente scoraggiato e scontento di ciò che ho fatto qui: ho voluto fare troppo bene in ho finito col guastare quello che era fatto bene. Da se ne smejo uporabljati, temveč se lahko odločijo za odhod in odhod. ma non voglio nemmeno sballare le mie tele, voglio vederle solamente fra qualche tempo; quindi vi avvertirò non appena mi sono un po 'calmato.
- Giverny, 4. maj 1892 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
Verrò a Parigi venerdì za la mostra di Renoir, che sarà un godimento per me [… ].
- Rouen, 28 mano 1893 Allo scrittore Gustavi Geffroy
[… ] Il mio soggiorno qui va avanti: ciò non vuoi dire che sono prossimo a terminare le mie cattedrali. Ohimè, ne posso che ripeterlo: kvantno più vedo, tanto più vado male nel rendere ciò che sento; e mi dico che chi dice di avere finito una tela è un tremendo orgoglioso. Končno, volendo dire completo, perfetto; e lavoro a forza senza avanzare, cercando, brancolando, senza sboccare a granché, ma al punto da esserne stremato.
- Rouen, 30. marca 1893 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
[… ] Lavoro moltissimo, ma non posso pensare di fare altro che la cattedrale. È un lavoro enorme.
- Sanduiken (Oslo), 26. februar 1895 Allo scrittore Gustavo Geffroy
Sono stupito di tutto quel che vedo v questo meraviglioso paese. Ho fatto passeggiate di quattro giorni v treno, v montagna, sui fiordi, sui laghi: è meraviglioso! Totto ciò, molto spesso con un freddo di-25 "a mezzogiorno, ma ne avendo mai sofferto, con grande meraviglia dei norvegesi, che sono più freddolosi di me. Sono prišel v un incantesimo, malgrado l'alimentazione perfida; e che sangue cattivo mi sono fatto za non poter dipingere tutto ciò che vedo!
Ne sapevo dove girare la testa, scoraggiato, ho sbagliato più volte nel prendere il treno e rientrare [… ].
Infine, ho trovato un angolo passabile per le predstavlja, ed eccomi all'opera dopo qualche giorno soltanto. Če ste v operaciji, lahko uporabljate telefonsko številko, ki ni povezana s tem tempom, temveč, če želite, da se odpravite v Norveško, da se odpravite v Oslo, da se odločite za veliko število ljudi.
Avrei dovuto andare a nord; ma ni na voljo za iskanje stagione; e poi è tutto rudemente bello lo stesso! Non ho potuto vedere un po 'di mare, ne acqua di qualunque specie: tutto è gelato e ricoperto di neve. V primeru, da je oseba, ki je prejela dovoljenje za vsako potovanje, na voljo, je treba plačati za vsako prevoženo osebo.
Oggi, ho dipinto una parte della giornata, sotto la neve punizione del falsario, in zaradi quadri siano distrutti alla presenza di testimoni o che mi siano rimandati.
- Il agosto 1908 Allo scrittore Gustane Geffroy
[… ] Sapete che sono assorbito dal lavoro. Questi paesaggi d'acqua e di riflessi sono divenuti un'ossessione. L al di lla delle mie forze di persona anziana, e voglio tuttavia arrivare rendere ciò che sento vivamente. Ne sono distrutto [… ], ricomincio [… ] e spero che da tanto sforzo esca qualcosa.
- Venezia, 7. december 1908 Allo scrittore Gustavo Geffroy
[… ] Preso dal lavoro, ne ho potuto scrivervi, lasciando a mia moglie la cura di darvi notizie. Essa ha dovuto dirvi del mio entusiasmo na Venezia. V primeru, da ne boste imeli dovolj časa, boste morali počakati, ko bo to storil. Io me ne rattristo. Ì così bello! Ma occorre farsi una ragione [… ]. Mi consolo al pensiero di ritornarvi l'anno prossimo, perché ne ho potuto fare che qualche assaggio, qualche avvio di lavoro.
Ma che disgrazia ne essere venuto qui quando ero più giovane! Quando avevo tutte le energie! Passo ugualmente momenti deliziosi, dimenticando kvazi di essere il vecchio che sono.
- Giverny, 10 ottobre 1911 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
[… ] Non ho bisogno di dirvi kvanto sia triste la mia vita ormai e che duri momenti ho passato da quando vi ho visto. Comincio solamente adesso a riprendermi un po 'e penso di rimettermi al lavoro. Ecco l'inverno, e restar inattivo con queste giornate tristi mi sarebbe troppo penoso. Prima proverò a terminare qualche tela di Venezia [… ].
- Giverny, 10. maj 1912 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
Sole molto commosso della vostra lettera amichevole e sarei molto felice di vedervi, sebbene dubito che voi mi prepričati ritornare su una decisione che non ho preso alla leggera, e se da così lungo tempo mi avete trovato scontento di ci che che faccio, questo era il mio pensiero. E più che mai oggi, constato quanto il uspeh immeritato che ho ottenuto, sia fittizio. Spero semper di arrivare al meglio, ma l'età e il dolore hanno esaurito le mie forze. Tako molto bene v anticipo che troverete le mie tele perfette. Tako je, esponendole, avranno grande successo, ma mi î indifferente, poiché io le considero brutte e ne sono certo.
- 7. junij 1912 Allo scrittore Gustavo Geffroy
[… ] Grazie di tutto cuore dei vostri zaradi beli articoli di cui sono fiero. Ne, ne sono un grande pittore, grande poeta, io non so… Torej soltanto che faccio ciò che penso per esprimere ciò che provo davanti alla natura, e che più spesso, per visitvare a rendere ciò che sento vivamente, dimentico del tutto le regole più elementari della pittura, se ne esistono qualche volta. Bravo, lascio bene apparire degli errori, na fissare le mie sensazioni. Ma non sarà sempre così, ed è cí che che mi dispera.
Giverny, 29. junij 1914 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel.
Desidero sempre scrivervi per avere vostre notizie, ma, pridi sapete, mi sono rimesso al lavoro. Quando mi ci meto, lo faccio seriamente, tanto che, alzato fin dalle 4 del mattino, sgobbo tutta la giornata, e venuta la sera sono talmente sfinito dalla stanchezza che ho dimenticato tutti i miei doveri, ne badando che al lavoro che ho intrapreso. [… ]
Io sto bene, za količinsko možnost; la mia vista v finalmente bene. Grazie al lavoro, grande consolazione, tutto va bene.
- Giverny, 15. junij 1918 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
Qui va bene, le notizie sugli assenti [al fronte] sono buone; ma, ohimè, che vita angosciosa viviamo tutti. Io continuo, a confesso di averne un po 'di vergogna, a lavorare, benché a volte abbia desiderio di piantare tutto, e qualche volta arrivo domandarmi che cosa farei se sopraggiungesse una nuova sorpresa da parte del nemico. Credo che allora dovrei prihajajo tanti altri abbandonare tutto. Bisogna sperare tuttavia che siano državo prese tutte le precauzioni za contenere nemico e bisogna armarsi di pazienza e di coraggio; mi sarebbe duro abbandonare tutto na questi sporchi crucchi.
- Giverny, 22. november 1921 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
Če je to potrebno, glejte pisavo, če je to potrebno za večkratno uporabo, če je to neveljavno. Na začetku leta 2007 je bila objavljena statistika o razdeljevanju in predelavi, ki je bila pripravljena za prodajo, ne da bi to storila, dokler ne bi prišlo do popolnega povračila stroškov. Insomma, non sono pronto per una mostra. Ho da rivedere dal vero la più parte di queste tele.
- Giverny, 7. julij 1922 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
Rispondo subito alla vostra domanda. Lavoro moltissimo e vorrei dipingere tutto prima di ne vedere del tutto, ma sono molto sfortunato col tempo, e questo mi impedisce di ricevere amici che sarei felice di vedere, ma che mi capiterebbero proprio quando il tempo mi sarebbe favorevole.
- Giverny, 20. november 1923 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
Lavoro sodo alle mie decorazioni [Ninfee] za vse pronto al tempo stabilito.
- Giverny, 17. junij 1925 Al mercante d'arte Paul Durand-Ruel
Tutte le mie scuse per avervi impedito di venire domenica scorsa. Ero nella tristezza e nello scoraggiamento.
P sem obkrožena z majhno skupino mladih pejzažistov, ki vas bodo zelo veselili, da bi vas spoznali. Poleg tega so pravi slikarji… Zdi se mi, da sem tukaj zelo dobro fiksiran. Na trdno risam figure. In na Akademiji obstajajo le pejzaži. Začnejo zaznavati, da je to dobra stvar - pismo iz leta 1859 njegovemu mentorju Eugènu Boudinu; Navedeno v: John Rewald (1961) Zgodovina impresionizma - zvezek 1. str. 48
Med Troyonovimi slikami sta dva velika; Vrnitev na kmetijo je čudovita s čudovitim nevihtnim nebom. V oblakih je veliko vetrovnega gibanja, krave in psi pa so zelo dobri. V odhodu na trg vidite meglo ob sončnem vzhodu. Odličen je in predvsem svetel. Širok prostor v Pogledu iz Surennesa je neverjeten. Čutiš, da si res na podeželju - pismo iz leta 1859 Eugènu Boudinu, 3. junij 1859; Navedeno v Rodolphe Rapetti (1990) Monet, str. 11: Monet je pisal Boudinu samo, da je obiskal salon leta 1859.
Kot novico vam lahko povem, da je Couture, ta slabotni kolega, popolnoma opustil slikarstvo. Ni velika škoda; na tej razstavi je imel nekaj res slabih slik. - 1860 pismo Eugène Boudin, 10. februar 1860: Kot je navedeno v: Angelika Taschen (1999) Monet, str. 24
Tukaj je čudovito [v Etretatu, Normandiji], moj prijatelj; vsak dan odkrivam še lepše stvari. Opojna me je in želim vse to naslikati - moja glava se razpoči ... Želim se boriti, praskati, začeti znova, ker začenjam videti in razumeti. Zdi se mi, kot da lahko vidim naravo in jo lahko ujamem vse to… z opazovanjem in razmišljanjem odkrivam, kako. To nenehno delamo… - pismo iz leta 1864 svojemu prijatelju Frédéricu Bazilleu; kot je navedeno v Monetovi zemljišče Vivian Rusell; Icob, Alphen aan de Rijn, Nizozemska 2010, str. 12
Zelo sem vesela, zelo vesela ... ker sem tu obkrožena z vsem, kar ljubim. Svoj čas sem preživel zunaj… in seveda delam ves čas, in mislim, da bom letos naredil nekaj resnih stvari. In potem zvečer, dragi kolega, pridem domov v svojo malo kočo, da najdem dober ogenj in drago majhno družino ... Dragi prijatelj, to je užitek gledati, kako ta oseba [njegov prvi sin Jean, rojen leta 1867] raste, in Vesel sem, da je prepričan ... - 1868 pismo Frédéricu Bazillu: K.E. Sullivan. Monet: Odkrivanje umetnosti, Brockhampton press, London (2004), str. 22.
Moj dragi Bazille, sprašujem se, kaj lahko počneš v Parizu med lepim vremenom, ker mislim, da mora biti tam tudi zelo dobro. Tukaj moj dragi kolega, to je očarljivo in vsak dan odkrivam vedno lepe stvari. Dovolj je, da postanemo jezni [fou], toliko, da imam željo, da to storim vse, moja glava se zlomi. Prekleto, tukaj je sixt

Poglej si posnetek: BBC Fine Art Collection 1 of 7 Mad About Monet (Januar 2023).

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send